Contratto badanti, tutto quello che c’è da sapere per stare in regola

Dopo il nuovo decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il contratto badanti e quello da collaboratrice domestica sono cambiati quasi del tutto. Infatti, una delle novità più rilevanti è quella del riposo giornaliero di 11 ore consecutive dopo le 24 ore di lavoro. Le novità introdotte dalla cassazione in merito ai contratti colf e badanti 2018 non […]

Dopo il nuovo decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il contratto badanti e quello da collaboratrice domestica sono cambiati quasi del tutto. Infatti, una delle novità più rilevanti è quella del riposo giornaliero di 11 ore consecutive dopo le 24 ore di lavoro. Le novità introdotte dalla cassazione in merito ai contratti colf e badanti 2018 non riguardano solo il giorno di riposo ma le modifiche introdotte sono tantissime. Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere sulla nuove tipologie di contratti per badanti 2018.

Contratto Badanti: Il giorno di riposo obbligatorio

Come già anticipato, una delle novità più importanti introdotte dalla Cassazione inerente al contratto badanti, è l’obbligo di concedere alle badanti che svolgono turni di 24h, almeno 11 ore di riposo consecutive.

In passato questo non era obbligatorio, infatti coloro che somministravano un contratto per colf e badanti, potevano decidere di concedere anche 11 ore di riposo non consecutive. Oggi con il nuovo decreto tutto questo non è più possibile.

Le ore di riposo obbligatorie da concedere alla propria badante erano sempre di 11 ore, però non era previsto che le ore di riposo dovessero essere consecutive ogni ventiquattro ore. Per coloro che non rispetteranno questa nuova normativa, oltre a sanzioni da 13.620 euro, rischiano anche una denuncia per sfruttamento della manodopera.

Contratti Badanti 2018: Costi orari

Un’altra novità importante inerente ai contratti per badanti 2018, sono le modifiche dei costi orari da
pagare alla propria badante. Stando al nuovo coefficiente stabilito dalla legge, lo stipendio di una
badante è di 629,15 euro al mese fino ad arrivare a 1370,00 euro. Quindi, i costi orari di una badante
vanno da 4,57 a 8,12 euro l’ora.

Infine, per bandati notturne lo stipendio minimo stabilito per legge è di 986,92 euro e si può arrivare
ad un corrispettivo massimo di 1381,30 euro per le badanti che danno assistenza a soggetti non
autosufficienti. Per essere perfettamente in regola quindi è fondamentale attenersi a tali corrispettivi
per evitare di andare incontro a problemi legali.

FONTE

CERCHI UN LAVORO COME BADANTE ?