Quanto costa assumere una badante: part-time, tempo pieno, contratto

Come faccio a regolarizzare la badante straniera? Prima di fare un contratto di lavoro per un lavoratore o una lavoratrice domestica, è importante conoscere la normativa del contratto dei lavoratori domestici conviventi e non conviventi e chiedere al consulente: quanto costa assumere una badante? Quanto costa assumere una badante part-time Prima di assumere una badante […]

Come faccio a regolarizzare la badante straniera? Prima di fare un contratto di lavoro per un lavoratore o una lavoratrice domestica, è importante conoscere la normativa del contratto dei lavoratori domestici conviventi e non conviventi e chiedere al consulente: quanto costa assumere una badante?

Quanto costa assumere una badante part-time

Prima di assumere una badante o una lavoratrice domestica, bisogna prima di tutto selezionare l’assistente familiare in base alle esigenze dell’anziano. E’ importante farsi lasciare delle referenze dai precedenti datori di lavoro e chiedere alla lavoratrice domestica esperienze ed attestati che possano certificare le sue competenze. In Italia quasi il 80% delle badanti sono straniere sia regolari che irregolari, anche se nell’ultimo periodo, molte lavoratrice italiane, hanno incominciato a svolgere questo tipo di prestazione lavorativa. I costi per assumere una lavoratrice domestica sono:

• Retribuzione, stabilita dal contratto collettivo nazionale del lavoro conviventi e non conviventi;

• Contributi Inps da pagare trimestralmente con il bollettino MAV;

• ferie (pari a 26 giorni lavorativi in un anno)

• festività nazionali (pari a 12);

• permessi (12 o 16 ore all’anno)

• eventuale indennità di vitto e alloggio;

• tredicesima mensilità;

• trattamento di fine rapporto.

Costo badante part-time 30 ore settimanali livello BS convivente

Le lavoratrici badanti sono soprattutto straniere, poiché svolgono la loro attività lavorativa 24 ore su 24, con un contratto molte volte part-time. I lavoratori domestici anche conviventi, hanno diritto ad un giorno di riposo di 24 ore consecutive nella settimana ed a un riposo giornaliero minimo di 11 ore nell’arco della giornata lavorativa. Il periodo di prova deve risultare da contratto e non può essere svolto senza un regolare contratto di assunzione. Ora vediamo insieme il costo di una badante con un livello BS convivente, con un contratto di lavoro a tempo determinato (ricordiamo che il decreto dignità non ha aumentato i contributi Inps 2018 dei lavoratori domestici ) di 30 ore settimanali:

• Retribuzione mensile: 600,56

• Contributi Inps da pagare trimestralmente (periodo Ottobre – Dicembre 2018): 397,80 di cui 101,40 spettano alla lavoratrice e saranno trattenuti sulla busta paga; costo mensile: 132,60 euro

• ferie (pari a 26 giorni lavorativi in un anno): 64,03 euro

• permessi (12 o 16 ore all’anno): 4,62 euro circa

• eventuale indennità di vitto e alloggio;

• tredicesima mensilità: 64,03 euro

• trattamento di fine rapporto: 61,65 euro

• Totale costo per 30 ore settimanale badante livello BS: € 927,49 mensili.

Il costo totale uscito non è l’esatto importo mensile che il datore di lavoro deve sborsare per la sua badante, dato che la tredicesima mensilità si paga interamente a dicembre, le ferie (quando la badante va in vacanza) ed il trattamento di fine rapporto, quando il contratto cessa definitivamente.

Quanto costa assumere una badante a tempo pieno

Per un contratto di lavoro a tempo pieno di una badante inquadrata con un livello CS, con un orario settimanale di 54 ore, i costi sono:

• Retribuzione mensile: 972,33

• Contributi Inps da pagare trimestralmente (periodo Ottobre – Dicembre 2018): 716,10 e 182,52 trattenuti sulla busta paga; costo mensile: 238,70 euro

• ferie (pari a 26 giorni lavorativi in un anno): 95,01 euro

• permessi (12 o 16 ore all’anno): 6,23 euro circa

• tredicesima mensilità: 95,01 euro

• trattamento di fine rapporto: 91,49 euro

• eventuale indennità di vitto e alloggio;

• Totale costo per 54 ore settimanale badante livello CS: € 1498,77 mensili e 16.263,87 annuali.

Per questo lo Stato sta inserendo diverse sostegni economici per aiutare le famiglie ad assistere gli anziani. In attesa del via libera del governo, dovrebbe entrare in vigore il sostegno economico per i caregiver (un assistente che aiuta in maniera costante un parente) di 1900 euro. Gli attuali contributi economici per le famiglie sono:

• deduzione dei contributi Inps della lavoratrice domestica sulla dichiarazione dei redditi;

• detrazione, per assistenza personale, da indicare sul modello 730 o sul modello dei redditi persone fisiche;

• progetto HomeCare Premium dell’Inps;

• i pochi sostegni economici delle Regioni e l’assistenza domiciliare dei servizi sociali del Comune di residenza.

Badante senza permesso di soggiorno: posso assumerla?

Come abbiamo detto, prima di assumere una lavoratrice, è importante conosce tutti i costi. Però prima di qualsiasi contratto è indispensabile chiedere alla lavoratrice straniera se è in possesso di determinati documenti. Se la lavoratrice è italiana, non ci sono problemi. Per assumerla bastano i documenti d’identità, la copia del tesserino sanitario con l’indicazione del codice fiscale, l’indirizzo di residenza ed il numero di telefono. Invece le lavoratrici stranieri, possono essere assunte come badanti, solo se sono in possesso di un permesso di soggiorno non scaduto o con il numero della raccomandata speciale, se è in corso l’aggiornamento del permesso di soggiorno. Quindi per assumere una badante straniera, sono necessari i seguenti documenti:

• permesso di soggiorno non scaduto per lavoro subordinato, per attesa occupazione non scaduto o per altri motivi. (Consigliamo di verificare la data di scadenza sul permesso ed anche il motivo prima di fare qualsiasi assunzione);

• copia del passaporto non scaduto;

• indirizzo di residenza;

• eventuale documento d’identità italia e copia codice fiscale;

• numero di telefono.

Ad oggi non ci sono leggi, per regolarizzare le tantissime straniere lavoratrici irregolari, senza permesso di soggiorno. Queste lavoratrice non si possono né assumere e né regolarizzare senza i documenti, sino all’uscita di un nuovo decreto flussi per lavoro subordinato.

FONTE

CERCHI UN LAVORO COME BADANTE ?