Contributi INPS colf e badanti 2019 e tabella retribuzioni minime

L’INPS ha rilasciato le tabelle aggiornate con gli importi dei contributi previdenziali per colf e badanti valide dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019. E’ stata rilasciata la circolare numero 16 del 1 febbraio con la quale si rendono noti gli importi dei contributi INPS colf e badanti dovuti per l’anno 2019. Gli importi sono validi […]

L’INPS ha rilasciato le tabelle aggiornate con gli importi dei contributi previdenziali per colf e badanti valide dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019.

E’ stata rilasciata la circolare numero 16 del 1 febbraio con la quale si rendono noti gli importi dei contributi INPS colf e badanti dovuti per l’anno 2019. Gli importi sono validi dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018. Questa circolare fa il paio con l’accordo di rinnovo siglato presso il Ministero del Lavoro lo scorso 15 gennaio con il quale si rinnovano le retribuzioni minime dei lavoratori domestici.

Ricordiamo che le tabelle dei contributi previdenziali per il lavoro domestico, nonchè gli stipendi minimi riguardano tutta la categoria dei lavoratori nell’ambito domestico; per semplicità riassumiamo con colf e badanti, ma a questa categoria appartengono anche ad esempio i baby sitter, i maggiordomi, il personale di compagnia, governanti, cuochi, camerieri ecc.

Contributi INPS colf e badanti 2019

Gli importi dei contributi previdenziali e pensionistici per i lavoratori domestici variano in base di un indice Istat; in particolare si fa riferimento alla variazione annuale dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. L’ISTAT ha comunicato, che detta variazione per il biennio 2017/2018 è stata di + 1,1% e di conseguenza sono in aumento anche i contributi.

Inoltre, si conferma che anche per il 2019, relativamente ai contratti a tempo determinato, continua ad applicarsi il contributo NASpI del 1.4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali (retribuzione convenzionale).

Come pagare i contributi colf e badanti

I contributi previdenziali dei collaboratori domestici, vanno versati su base trimestrale e in base alle ore effettivamente lavorate.

Il pagamento potrà avvenire con diverse modalità:

  • tramite bollettini Mav da inviare all’Inps per l’attestazione del corretto pagamento;
  • PagoPA sul portale dei pagamenti dell’Inps;
  • presso i punti aderenti al circuito Reti amiche, comunicando il codice fiscale e la tipologia di contributi da pagare.

Tabella retribuzioni minime colf e badanti 2019

Di seguito, si riporta invece la nuova tabella delle retribuzioni minime CCNL lavoro domestico vigente a partire dal 1° gennaio 2019.

Lavoratori conviventi Lavoratori di cui all’art. 15 – 2° comma Lavoratori non conviventi* Assistenza notturna Presenza notturna Assistenza non autosufficienti (supplenti)
Livello A € 636,20 € 4,62
AS € 751,88 € 5,45
B € 809,71 € 578,37 € 5,78
BS € 867,55 € 607,29 € 6,13 € 997,67
C € 925,40 € 670,89 € 6,47
CS € 983,22 € 6,82 € 1.130,70 € 7,34
D € 1.156,72 + indennità € 171,04 € 7,87
DS € 1.214,56 + indennità 171,04 € 8,21 € 1.396,77 € 8,85
Livello unico € 668,01
* Valori orari.