Colf spediva soldi all’estero, 1 milione in tutto gli euro “occultati”

Colf spediva soldi all’estero. 26° caso di badante “in nero” scoperto dalla GdF di Cecina. 1 milione in tutto gli euro “occultati”. Collaboratrice domestica “in nero”. 57enne, moldava, residente a Cecina, ha nascosto al fisco 10 mila euro. Aveva stipulato regolare contratto con il suo datore di lavoro ma non ha “denunciato” all’Agenzia delle entrate […]

Colf spediva soldi all’estero. 26° caso di badante “in nero” scoperto dalla GdF di Cecina. 1 milione in tutto gli euro “occultati”.

Collaboratrice domestica “in nero”. 57enne, moldava, residente a Cecina, ha nascosto al fisco 10 mila euro. Aveva stipulato regolare contratto con il suo datore di lavoro ma non ha “denunciato” all’Agenzia delle entrate le retribuzioni percepite tra il 2015 e il 2016. Soldi spediti nel suo Paese di residenza, a beneficio dei familiari.

Le colf rappresentano figure professionali che svolgono mansioni di rilevante utilità sociale: cameriere, baby sitter, pulizia e assistenza, cucinano e diventano persone di fiducia, tanto che alcune ritirano la pensione agli anziani. Fanno la spesa, li portano a passeggio e guidano per accompagnarli in ospedale. Non per questo viene meno l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi quando gli introiti superano la soglia di esenzione.

Si tratta del 26° caso di badante “in nero” scoperto dalla Tenenza della GdF di Cecina. Redditi complessivi non dichiarati tra il 2013 e il 2017 superiore al milione di euro.

Nelle successive note stampa gli ultimi episodi operativi che hanno visto le fiamme gialle impegnate nella lotta all’evasione fiscale nei lavori domestici.

CERCHI UN LAVORO COME BADANTE ?