Perchè spesso durante le ferie lo stipendio è più basso? ecco i motivi di tutto ciò!

Le ferie spettano alla generalità dei lavoratori essendo un diritto sancito dalla nostra Costituzione. Infatti all’articolo 36, la Carta Costituzionale parla delle ferie come di un «diritto irrinunciabile». Le ferie devono essere prese per forza ogni anno solare e devono essere retribuite. Tutti i lavoratori abbiamo detto, perché il diritto alle ferie è riconosciuto nelle fabbriche, nel […]

Le ferie spettano alla generalità dei lavoratori essendo un diritto sancito dalla nostra Costituzione. Infatti all’articolo 36, la Carta Costituzionale parla delle ferie come di un «diritto irrinunciabile». Le ferie devono essere prese per forza ogni anno solare e devono essere retribuite. Tutti i lavoratori abbiamo detto, perché il diritto alle ferie è riconosciuto nelle fabbriche, nel settore ristorazione, nel pubblico impiego ed anche nel lavoro domestico, quello di colf e badanti. Al lavoratore spettano per ogni anno pieno di lavoro, un determinato numero di ferie. Nel lavoro domestico queste sono fissate in 26 giornate di ferie per anno. durante le assenze dal lavoro per le ferie, al lavoratore spetta comunque lo stipendio.

Stipendio simile a quello dei mesi di lavoro, lo dice la Cassazione

Diverse volte la Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che durante il periodo dedicato alle ferie e quindi di assenza dal posto di lavoro, il lavoratore ha diritto ad un trattamento salariale simile a quello che gli è spettante durante i mesi di impiego. In pratica, anche durante le ferie alla badante piuttosto che alla colf (ma è un principio che vale per qualsiasi categoria di lavoratore ed in qualsiasi settore) tocca uno stipendio che non può essere di molto inferiore a quello che ha percepito durante la sua attività di lavoro subordinata. Le motivazioni di quello che può essere considerato un orientamento ormai consolidato da parte dei giudici della Suprema Corte di Cassazione ricadono nella disincentivazione a prendersi le ferie che i lavoratori avrebbero se durante questi periodi da dedicare al riposo ed al ricaricare le energie, lo stipendio non fosse dignitoso.

Ci sono casi in cui lo stipendio durante le ferie è molto più basso

Chi paga le ferie al lavoratore? chi eroga lo stipendio nonostante sia assente dal proprio posto di lavoro? la legge prevede che sia il datore di lavoro ad accollarsi questo onere ed è proprio su di lui che si abbatte l’esito di quanto stabilito dalle sentenze della Cassazione. In pratica sul datore di lavoro, che 9 volte su 10 nel lavoro domestico è la stessa famiglia presso cui si presta servizio o lo stesso anziano a cui si presta assistenza, grava l’onere di pagare lo stipendio al lavoratore durante il periodo delle ferie, stipendio che come dicevamo, deve essere commisurato a quello percepito durante i periodi di occupazione. 
Perché allora molti lavoratori denunciano salari più bassi percepiti durante le ferie? il datore di lavoro fa il furbetto o adotta pratiche illecite atte a «fregare» il proprio dipendente? nulla di tutto ciò, perché la Cassazione nel fissare il concetto di stipendio nel periodo di lavoro e nel periodo di ferie non dice che gli importi devono essere identici, ma simili. In effetti durante le ferie al lavoratore possono venire a mancare i cosiddetti elementi accessori del salario, cioè indennità occasionali che spesso compaiono in busta paga durante i mesi di lavoro. Tra queste voci accessorie è inevitabile che durante le ferie possano venir meno lavoro notturno o festivo, lo straordinario e così via. 
A tutela dei diritti del lavoratore però occorre sempre verificare che queste indennità siano previste dal Contratto Collettivo come voci distinte. In diversi settori infatti, gli straordinari piuttosto che il lavoro notturno sono inserite da CCNL nella retribuzione globale di fatto e se così fosse, anche durante le ferie ciò che è stato corrisposto globalmente durante i periodi di servizio devono essere ripetuti durante i periodi di ferie.

CERCHI UN LAVORO COME BADANTE ?