Siamo nel mese di dicembre ed è aria di tredicesima. Questa va percepita anche da colf e badanti come previsto dal contratto collettivo dei collaboratori domestici. Vediamo come si calcola la tredicesima per i collaboratori domestici in modo semplice e chiaro.

Tredicesima alle colf e badanti

È dicembre mese in cui i lavoratori ricevono la tredicesima, si tratta di una mensilità aggiuntiva che va pagata anche a colf e badanti. Spesso le famiglie non sanno come calcolare l’importo della tredicesima da erogare alla propria colf ma il calcolo è semplicissimo. L’importo della tredicesima coincide con lo stipendio del mese di dicembre a condizione che la colf o la badante abbia lavorato per l’intero anno. Altrimenti, se ha lavorato di meno di un anno, il calcolo della tredicesima si effettua nel modo seguente: si considera  un dodicesimo di paga per ogni mese di lavoro. Ad esempio: supponiamo che la colf sia stata assunta a giugno, si darà alla colf 9/12 esimi di stipendio. La tredicesima va erogata a tutte le colf indipendentemente dal tipo di contratto di assunzione: a ore, mezzo servizio, colf conviventi, presenza notturna e così via.

Tredicesima con vitto e alloggio

C’è un problema per il calcolo della tredicesima per le colf e le badanti che sono assunte con la convivenza e anche con il vitto e alloggio, vediamo qual è: il vitto e l’alloggio hanno un controvalore giornaliero di € 5,61 , in un mese fanno € 168. Quindi, durante il mese di dicembre la famiglia deve dare alla badante o colf, un importo comprensivo dei seguenti elementi:

  • stipendio di dicembre;
  • tredicesima;
  • vitto e alloggio in controvalore in contanti.

Corrispondere il TFR a fine anno si può?

Spesso il datore di lavoro si domanda: “Posso erogare a fine anno anche la quota maturata di TFR?”.  La risposta a questa domanda è positiva ma seguendo alcune condizioni.

La decisione di erogare la quota di TFR maturata durante l’anno insieme alla tredicesima è riservata esclusivamente al datore di lavoro ma ci sono anche delle condizioni fondamentali da rispettare:

  • il TFR deve essere richiesto dalla colf e non deve essere un’imposizione del datore di lavoro;
  • l’importo pagato deve essere equivalente al 70% della quota di TFR maturata durante l’anno.

FONTE

CERCHI LAVORO COME BADANTE ?

Cerca Informazioni