Le persone con invalidità possono accedere alla pensione di invalidità in anticipo, solo se si trovano in determinate condizioni. La legge tutela i lavoratori disabili con un anticipo pensionistico rispetto all’età pensionabile della pensione di vecchiaia. Analizziamo i requisiti richiesti rispondendo ad un quesito di una nostra lettrice.

Pensione invalidità

Buonasera, mi chiamo Orietta, il giorno 3 gennaio 2020 avrò ,56 anni. Ho lavorato dall’ottobre 1983 al gennaio 2017 come impiegata con I contributi sempre  regolarmente versati. Poi siccome ho la sclerosi multipla e sono stata riconosciuta invalida civile e non sono più potuta andare al lavoro e sto percependo l’assegno ordinario. Gradire sapere se il prossimo anno riuscirò ad andare in pensione e se si potrebbe sapere quanto grosso modo riuscirò a prendere. PER QUALSIASI ALTRA NOTIZIA AVRETE BISOGNO SONO A VOSTRA DISPOSIZIONE. Saluti. Ed un grazie per quello che potete fare. Grazie.

Pensione di vecchiaia per invalidità: requisiti e limiti

Buongiorno Orietta, possono accedere alla pensione invalidità coloro che hanno superato una percentuale di invalidità non inferiore all’80% e hanno maturato circa 20 anni di contributi nel settore privato; inoltre è richiesto un requisito anagrafico. Analizziamo l’età anagrafica richiesta per poter anticipare il pensionamento con l’invalidità.

Età pensionabile per invalidità

L’età anagrafica per poter beneficiare di questa misura è la seguente:

Lavoratori invalidi con almeno l’80% di invalidità 

  • 60 anni uomini
  • 55 anni donne

Lavoratori non vedenti

Se tali da prima di essere iscritti all’assicurazione obbligatoria o con almeno 10 anni di assicurazione e contribuzione dopo l’insorgenza della cecità:

  • 55 anni uomini
  • 50 anni donne

Lavoratori non vedenti in tutti gli altri casi

  • 60 anni uomini
  • 55 anni donne

Pensione e adeguamento all’aspettativa di vita

Tali parametri sono adeguati all’aspettativa d vita e inoltre tale trattamento pensionistico è soggetto alle finestre di uscita di 12 mesi dalla maturazione dei requisiti. (Circolare Inps 53/2011; Circolare Inps 35/2012).

Questo significa che il primo rateo pensionistico sarà corrisposto dopo 12 mesi.

Per il 2019/2020 Il requisito anagrafico si è adeguato a 61 anni di età per gli uomini e 56 anni per le donne con la finestra di 12 mesi dalla maturazione dei requisiti.

Ricordiamo che l’accertamento dello stato di invalidità deve essere effettuato presso gli uffici sanitari dell’Inps. Solo la commissione medica Inps può dare il benestare per poter accedere alla pensione anticipata.

FONTE

CERCHI LAVORO COME BADANTE ?

Cerca Informazioni