Bonus 80 euro, nel 2020 anche per colf e badanti: ecco le regole. Gli 80 euro sono riconosciuti anche ai lavoratori domestici ma non in busta paga.

Bonus 80 euro. Nel 2020 anche ai lavoratori domestici il bonus degli 80 euro, ma non in busta paga. Come recuperare la somma in dichiarazione dei redditi? Colf, badanti e lavoratori domestici hanno diritto? La risposta è affermativa.

La mancata erogazione del bonus di 80 euro in busta paga risiede nella particolarità del rapporto di lavoro domestico: le famiglie che assumono una colf, una badante o la babysitter non sono sostituti d’imposta. Questo significa che il credito Irpef non è erogato dal datore di lavoro con lo stipendio, ma dovrà essere recuperato con la dichiarazione dei redditi.

Sarà quindi con il modello 730 che verrà riconosciuto il bonus Renzi spettante. Le stesse regole previste per il bonus di 80 euro si applicheranno dal 1° luglio 2020 anche al nuovo bonus cuneo fiscale. Per verificare se si ha diritto a riceverlo è necessario tener presente dei redditi percepiti dal lavoratore.

Per le colf, badanti o in genere collaboratori domestici bisognerà far riferimento ai redditi percepiti nel 2019. Hanno diritto: al credito Irpef in misura completa i lavoratori dipendenti con reddito compreso tra gli 8.174 e 24.600 euro;
al credito Irpef in misura parziale i lavoratori dipendenti con redditi compresi tra i 24.601 ai 26.600 euro.

FONTE

CERCHI LAVORO COME BADANTE ?

Cerca Informazioni