Tutte le informazioni sul bonus colf e badanti 2020: a chi spetta, cosa sapere sull’indennità Inps per lavoratori domestici e come fare domanda

Nuovo bonus colf e badanti in arrivo con il decreto maggio 2020.

La bozza del c.d. dl ‘Rilancio’ prevede una indennità per i lavoratori domestici. I beneficiari riceveranno una somma di denaro di importo fino a 1200 euro per due mesi.

Ecco cosa sapere sul nuovo bonus Inps per colf, badanti e lavoratori domestici, i requisiti richiesti e come fare domanda.

BONUS COLF, BADANTI, LAVORATORI DOMESTICI 2020

Il dl Rilancio, ossia il provvedimento legislativo al vaglio del Governo che introdurrà nuove misure a sostegno di lavoratori, famiglie e imprese nell’ambito della cosiddetta fase 2 del piano di gestione dell’emergenza coronavirus, sarà pubblicato a breve sulla Gazzetta Ufficiale. La bozza del decreto prevede l’introduzione di nuove indennità Inps per chi lavora, tra cui il nuovo bonus lavoratori domestici.

Si tratta di un contributo economico a favore di chi svolge il lavoro domestico, dunque prevalentemente colf e badanti, la cui attività lavorativa si è ridotta a causa degli effetti delle disposizioni nazionali per contenere la diffusione del contagio da covid-19. Questi soggetti erano stati esclusi dagli indennizzi per varie categorie di lavoratori introdotti dal decreto Cura Italia. Con il nuovo dl anche chi svolge queste tipologie di lavori avrà diritto ad una indennità una tantum, erogata dall’Inps, con un importo fino a 1.200 euro.

A CHI SPETTA?

Possono richiedere il bonus Inps colf e badanti i lavoratori domestici che:

  • hanno in essere, alla data del 23 febbraio 2020, uno o più contratti di lavoro;
    non sono conviventi con il datore di lavoro;
  • hanno subito una comprovata riduzione di almeno il 25% dell’orario complessivo di lavoro a causa dell’emergenza epidemiologica da covid-19;
  • non percepiscono le indennità di cui agli articoli 27, 28, 29, 30, 38 del decreto Cura Italia (dl 17 marzo 2020, n. 18), ossia i bonus partite IVA, autonomi, lavoratori stagionali, agricoli e dello spettacolo e collaboratori coordinati e continuativi, e in attuazione dell’articolo 44 del medesimo decreto;
  • non sono percettori della NASPI;
  • non beneficiano del Reddito di emergenza;
  • non sono titolari di pensione, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità di cui all’articolo 1 della legge 12 giugno 1984, n. 222;
  • non hanno un rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato diverso dal lavoro domestico.

I percettori del Reddito di cittadinanza possono richiedere l’indennità per lavoratori domestici fino al raggiungimento della somma complessiva del bonus, se l’importo del Rdc è inferiore.

QUANTO DURA?

Il bonus colf e badanti Inps previsto dal decreto Rilancio ha la durata di un bimestre, in quanto viene concesso per i mesi di aprile e maggio 2020.

QUAL E’ L’IMPORTO?

L’importo del bonus lavoratori domestici varia da 400 a 600 euro al mese, in base alle condizioni di lavoro del richiedente, come di seguito indicato:

  1. bonus 400 euro al mese per i lavoratori domestici che alla data del 23 febbraio 2020 avevano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva fino a 20 ore settimanali;
  2. bonus 600 euro al mese per i lavoratori domestici che alla data del 23 febbraio 2020 avevano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva di oltre 20 ore settimanali.

L’indennità, che non concorre alla formazione del reddito, viene erogatadall’Inps in un’unica soluzione per il bimestre di riferimento. Dunque l’importo complessivo del beneficio va da 800 a 1.200 euro.

BONUS COLF E BADANTI: COME RICHIEDERLO?

Stando a quanto indicato nella bozza del decreto Rilancio, l’indennità è erogata dall’Inps previa richiesta, che può essere presentata presso gli Istituti di Patronato. Con ogni probabilità sarà predisposto un apposito modello bonus colf e badanti domanda.

Al momento non è possibile richiedere il bonus, in quanto occorre attendere l’approvazione definitiva del decreto legislativo e la conferma o modifica di quanto indicato nella stesura temporanea del documento.

FONTE

CERCHI LAVORO COME BADANTE ?

Cerca Informazioni